Google+

Utilizzo del QR Code nella Fattura Elettronica

La legge n. 205 del 27 dicembre 2017 (c.d. “legge di bilancio 2018”) ha introdotto nel nostro ordinamento un’articolata serie di novità. Tra queste, a partire dal 1° gennaio 2019, emerge l’obbligo di fatturazione elettronica per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato (cfr. l’articolo 1, comma 916, della medesima legge). Obbligo anticipato al 1° luglio 2018 per le fatture relative a «cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori», nonché per «prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica» (così l’articolo 1, comma 917, rispettivamente lettere a) e b), della legge di bilancio 2018).

Per velocizzare le operazioni di fatturazione (soprattutto presso i distributori di carburanti) l’Amministrazione ha previsto l’utilizzo di un QR Code che, sottoposto ad un lettore di Codici a Barre, possa leggere in un sol colpo tutti i dati fiscali del richiedente fattura compreso il Codice di Fattura Elettronica oppure l’indirizzo PEC del destinatario del documento. Il QR Code è ottenibile tramite il sito Fatture e Corrispettivi. Una volta autenticati, bisogna per prima cosa registrare l’indirizzo telematico di fatturazione dove si vogliono ricevere le fatture:

001

Si può scegliere un Codice Destinatario (se si dispone di un canale di trasmissione dedicato oppure di un servizio di ricezione a pagamento) oppure, molto più semplicemente si può indicare la PEC:

002

poi si passa alla generazione del QR Code:

3

il QR Code può essere generato in formato immagine (gif) oppure in formato Pdf. Consigliamo di scaricare ambedue i formati. Il QR Code si presenta così:

QRCode_01282500626

e contiene la seguente stringa in formato JSON:

{"anag":{"naz":"IT","cf":"01282500626","piva":"01282500626","denom":"SOFT. COM SAS DI CERULO FILIPPO & C.","domFisc":{"prov":"BN","cap":"82038","com":"VITULANO","ind":"VIA CASE SPARSE S. PIETRO SC","naz":"IT"}},"dtGenQr":"2018-06-15T08:42:55.117+0200","SDI":{"pec":"soft.com@pec.softcombn.com","cod":"0000000"}}

Quindi il gestionale non dovrà fare altro che leggere il QR Code ed aggiornare oppure aggiungere l’anagrafica all’archivio, tutto in un solo passaggio.

Uso del QR Code nei Gestionali NewS

Nella gestione delle Anagrafiche, tramite il pulsante della Barra degli Strumenti:

004

è possibile acquisire in automatico queste informazioni. Si apre la finestra:

005

leggendo con il Bar Code Reader il valore del QR (oppure incollando la stringa risultante da un altro programma) NewS decodifica il valore e, alla pressione del tasto verde di OK aggiorna o aggiunge l’Anagrafica.

006

Si consiglia di aggiungere il QR Code anche nella stampa cartacea della Fattura in modo da semplificare l’acquisizione dei dati fiscali nello scambio di documenti.

Permanent link to this article: https://www.softcombn.com/nfree/2018/06/utilizzo-del-qr-code-nella-fattura-elettronica/